Otto

Quando avevo otto anni, ricordo.

Ricordo una scuola ancora vuota e chiusa – era troppo presto per tutti – dove arrivavo per primo e aspettavo il mio amico Marco per giocare con un canestro altissimo, lassù.

Ricordo un albero a Y dove si provava a diventare grandi afferrando con le braccia i rami e tirandosi su.

Ricordo una lunga strada, verso le due, da fare a piedi, solo, della quale mi rimane l’odore dei campi di spighe, il terrore per i calabroni, l’amore per la pioggia che aggiungeva almeno un rumore. 3

Ricordo le chiavi di casa da custodire bene, il pranzo freddo consumato da solo, gli amici del pomeriggio: i cartoni animati e i telefilm, con i quali parlare, immaginare, sognare le persone che non c’erano.

Ricordo le prime favolose Lego Technics, il primo Natale che ci fu uno stipendio in casa.

Ricordo una Dingo arancione per sentirmi un po’ più simile agli altri.

Oggi hai compiuto otto anni Ivan, amore mio, e non ricorderai niente del genere. Ne sono felice.

Tanti auguri meraviglia.

Già pubblicato in Raramente c’entro qualcosa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: